Museo - Biblioteca - Foyer italo-tedesco

A+ A A-

Giovedì 5 marzo 2020
ore 19.00                 

in lingua italiana

Presentazione libro

 

a cura di Roberto Venuti e Michele Sisto, Quodlibet 2019

con ROBERTO VENUTI e MICHELE SISTO

Moderazione: GABRIELLA CATALANO

L’espressione magnum opus – con cui Cesare Cases era solito definire l’opera più grande e rilevante di un autore – ci pare del tutto appropriata per questo libro. Esso riunisce infatti – insieme con i saggi, gli articoli, gli interventi occasionali, le «noterelle», le lettere che Cases scrisse nell’arco di mezzo secolo sul Faust di Goethe – due corposi inediti di straordinario interesse.

Cesare Cases (Milano 1920 - Firenze 2005), critico e scrittore, è stato uno dei maggiori germanisti del secondo Novecento.

Roberto Venuti è professore ordinario di Letteratura tedesca. E’ stato Preside della Facoltà di Lettere dell’Università di Siena dal 2007 al 2012.  Si è occupato dell’illuminismo e del classicismo tedesco e ha curato l’edizione dei Diari e lettere di Goethe dall’Italia (1786-1788) e degli Scritti sull’arte di Goethe. 

Michele Sisto insegna letteratura tedesca all’Università “Gabriele d’Annunzio” di Chieti-Pescara. Tra le sue pubblicazioni  Scegliendo e scartando. Pareri di lettura di Cesare Cases (2013),Sull’utopia (2017), Lavinia Mazzucchetti. Impegno civile e mediazione culturale nell’Europa del Novecento (2017) e La letteratura tedesca in Italia. Un’introduzione 1900-1920 (2018).

Gabriella Catalano insegna Lingua tedesca presso l’Università di Roma ‘Tor Vergata’. È autrice di numerosi saggi su autori e temi della letteratura di lingua tedesca fra Settecento e Novecento con particolare attenzione alla storia della traduzione e al rapporto fra letteratura e arti visive. Nel 2014 è uscito presso l’editore Salerno il volume Goethe.

 

Giovedì 19 marzo 2020
ore 19.00         

In lingua russa e italiana

Conferenza

ALEKSEY KARA-MURZA
Scrittori russi sulle orme di Goethe:
I soggiorni di Ivan Turgenev (1840) e Aleksandr Herzen (1847-1848) in Via del Corso 18, Roma

Aleksej Kara-Murza, famoso storico e filosofo russo autore di numerosi libri sulla storia dei russi che viaggiarono in Italia (tra cui il libro “Roma russa”, del 2005) racconta l’influsso delle “pagine romane” di Goethe sulla creatività dei celebri scrittori russi Ivan Turgenev e Aleksandr Herzen. Nel corso delle loro prime visite a Roma (rispettivamente nel 1840 e nel 1847) Turgenev e Herzen, educati alla lettura delle opere di Goethe, di cui conoscevano a memoria (in senso letterale) “Viaggio in Italia” e “Elegie romane (Erotica romana)”, sognarono di stabilirsi proprio nei “luoghi romani di Goethe” e affittarono un appartamento in via del Corso, 18.

Известный русский историк и философ, профессор Алексей Кара-Мурза, автор многочисленных книг об истории русских путешествий в Италию (в том числе книги “Roma russa”, 2005) расскажет о влиянии “римских  страниц” Гёте на творчество известных русских писателей Ивана Тургенева и Александра Герцена. Воспитанные на сочинениях Гёте и буквально наизусть знавшие “Итальянское путешествие” и “Римские элегии (Erotica romana)” Гёте, Тургенев и Герцен мечтали во время своих первых посещений Рима (соответственно, в 1840 и в 1847 гг.) поселиться именно в “римских местах Гёте” и сняли квартиры на via del Corso, 18.

 

 

 

Martedì 24 marzo 2020 ore 19.00

in lingua italiana

HORST BREDEKAMP (Humboldt Universität Berlin)
Berlino città mediterranea. Il richiamo del Sud, Raffaello Cortina Editore 2019
Introduzione: FEDERICO VERCELLONE, Università di Torino
Con l‘autore intervengono  SALVATORE SETTIS e GOLO MAURER

In collaborazione con Raffele Cortina editore

 

Giovedì 23 aprile 2020
ore 19.00
In lingua tedesca

Presentazione libro

DIRK VON PETERSDORFF
 „Und lieben, Götter, welch ein Glück“. Glaube und Liebe in Goethes Gedichten,
Wallstein Verlag, 2019

 

 

Questo sito Web utilizza i cookie per gestire l'autenticazione, la navigazione ed altre funzioni. Utilizzando il nostro sito web, accetti che possiamo inserire questo tipo di cookie sul tuo dispositivo.